LE 10 CARATTERISTICHE IN COMUNE TRA MANAGER E ATLETA

Un manager ed un atleta hanno in comune molte più cose di quanto si possa pensare. Ne abbiamo raccolte 10 in questo articolo.

Le metafore sportive sono sempre più utilizzate nel mondo del management, ma che analogie ci sono tra lo sport e l’azienda?

Quali sono le caratteristiche che hanno in comune un manager ed un atleta?

A prima vista sembrano due mondi lontani ma non è così.

Si potrebbe pensare che un uomo in giacca e cravatta non abbia niente in comune con uno che indossa scarpe da ginnastica, abbigliamento tecnico e passa le sue giornate tra sessioni di allenamento per prepararsi al meglio alla prossima gara. 

Ma non hanno forse entrambi obiettivi importanti da raggiungere, performance da migliorare, sacrifici da fare, decisioni da prendere?

Non devono tutti e due, ogni giorno, affrontare nuove sfide, comunicare in modo efficace, trovare la giusta concentrazione e  consapevolezza da porre nelle proprie azioni?

Un manager, così come con un atleta, non nasce con tutte queste abilità già sviluppate, ma le deve allenare costantemente,  proprio come fa uno sportivo con quelle fisiche. 

MANAGER & ATLETA

Come abbiamo già detto, sono due figure allo stesso tempo molto diverse, ma anche molto simili.

Ti potrà sembrare strana questa nostra considerazione però ti vogliamo far riflettere a riguardo.

Infatti, questi due soggetti hanno parecchie caratteristiche in comune soprattutto sotto il punto di vista delle soft skills.

Ma cosa sono le Soft Skills?

Con questo termine si indicano tutte quelle caratteristiche, competenze trasversali, abilità comuni o di base, che sono applicabili a tutte le professioni, anche nella propria vita privata. 

Le 10 caratteristiche in comune tra manager e atleta

Sia il manager che l’atleta, se vogliono eccellere, devono lavorare sodo e cercare di sviluppare determinate soft skills che potrebbero permettere loro di aver successo nella propria attività lavorativa o sportiva. 

A seconda dello sport considerato possiamo trovare delle somiglianze tra manager e atleta sotto il punto di vista di alcune virtù come: 

1.saper comunicare con gli altri

Strategia

Risulta fondamentale sia nel lavoro che nella vita.

La bravura nelle relazioni con clienti, datori di lavoro e colleghi è fondamentale per un manager di successo.

Lo stesso vale ad esempio per un allenatore di calcio che deve essere bravo nel comunicare con i propri calciatori, gli assistenti, gli avversari, durante le conferenze e con i dirigenti della società per cui lavora.

2.saper entrare in empatia

Questo punto si collega a quello precedente, poiché non è sufficiente saper parlare o scrivere per gestire una relazione.

Per stabilire rapporti duraturi, è necessario entrare in empatia con coloro i quali ci troviamo a collaborare.

Questa caratteristica è molto importante per un manager, che come un allenatore, deve entrare in empatia con i propri “calciatori” per cercare di tirare fuori il meglio da loro

3.Ottimizzare la gestione del proprio tempo

Gestione tempo

Altra skill importante per qualsiasi attività si svolga.

Oggigiorno il tempo a disposizione non sembra mai abbastanza, qualsiasi Manager farebbe di tutto per avere più tempo.

Il segreto è quello di organizzarsi meglio, preparare una lista delle cose da fare, dividerle per importanza, non rimandare e pianificare tenendo conto delle proprie abitudini.

Vuoi imparare a gestire al meglio il tempo a tua disposizione?
La nostra business unit BeAgile ha creato un corso proprio sull’ottimizzazione ed utilizzo efficace del tempo.
Scopri maggiori informazioni visitando la pagina dedicata al Time Management.

 

Questa volta l’analogia la vogliamo fare tra manager ed un atleta olimpico, che deve gestire e ottimizzare il proprio tempo per arrivare con la sua migliore condizione fisica e mentale, al momento delle competizioni olimpiche. 

4.Gestire al meglio le emozioni e i conflitti

Mindset

Gestire le emozioni diventa fondamentale nella gestione dei conflitti.

La capacità di governare le proprie emozioni e i propri sentimenti, è il fondamento di un processo di comunicazione idonea a risolvere i conflitti.

Dal punto di vista del manager, qua entra in gioco la sua intelligenza emotiva, poiché deve essere in grado di gestire e comprendere lo stato d’animo di chi lavora con lui.

Lo stesso può valere per un coach di un qualsiasi sport di gruppo o individuale, che deve gestire uno spogliatoio o il singolo atleta.

5.Saper coordinare al meglio i propri collaboratori

Coach

Qualsiasi manager che si rispetti, deve essere in grado di gestire i propri collaboratori, organizzando efficacemente le forze e indirizzandoli verso il proprio successo.

È il caso del Manager Efficace in grado di capire i punti di forza propri e dei suoi collaboratori e puntare su quelli. Se vuoi approfondire come essere un Manager Efficace, leggi il nostro articolo.

Lo stesso può essere traslato nel mondo dello sport, dove un buon allenatore deve essere in grado di capire i punti di forza dei propri giocatori, per metterli nella condizione di esprimersi al meglio.

6.Stimolare il Team Bulding

Team

Avere un gruppo affiatato, motivato e concentrato sugli obiettivi da raggiungere è importante per qualsiasi attività, nello sport come in un’azienda.

Il manager deve lavorare per sviluppare questa caratteristica poiché il raggiungimento degli obbiettivi dipende in buona parte dall’affiatamento del gruppo di lavoro.

Lo stesso vale negli sport di gruppo dove è fondamentale lo spirito di squadra. 

7.Saper accendere il motore della motivazione

Motore

Fondamentale per la crescita professionale sia di un manager che di uno sportivo.

Per motivazione si intende quell’elemento che in qualche modo modifica il comportamento di un individuo verso il raggiungimento di obiettivi personali di crescita sempre più alti.

Come puoi comprendere la motivazione è una caratteristica importante per qualsiasi individuo.

Chiunque voglia eccellere in quello che fa, deve capire come accendere il proprio motore della motivazione, per cercare di raggiungere i propri obiettivi. 

8.Saper fissare degli obbiettivi che possono essere definiti come tali

Goal

Fissare gli obiettivi è importante in qualsiasi azienda.

Le persone che non si pongono obiettivi, spesso non riescono a realizzare ciò che avrebbero potuto.

La realizzazione di un obiettivo non avviene per caso, è un processo che richiede pianificazione e metodo.

Per un manager è essenziale fissare degli obiettivi che siano stimolanti, rilevanti, possibili, misurabili e con una data di scadenza.

Questo vale sia per sé stesso che per i propri collaboratori.

Lo stesso vale ad esempio per un’atleta che per continuare ad essere stimolato continua a porsi obiettivi sempre più alti. 

9.Saper programmare una strategia

Lavagna con strategia

Questo punto è strettamente collegato al precedente.

Una volta fissati gli obiettivi è fondamentale pianificare una strategia che possa essere efficace per il loro raggiungimento.

La programmazione è una sfida prioritaria per qualsiasi manager, soprattutto in un contesto caratterizzato da incertezza e da velocità di cambiamento come quello odierno.

Lo stesso può essere traslato per uno sportivo amatoriale che ha come obiettivo quello di fare una maratona.

Per arrivare al meglio delle sue possibilità deve stabilire un programma di allenamento che gli consenta di arrivare al momento della competizione pronto per portarla a termine.

10. Senso di responsabilità

Scegliere direzione

Ogni manager è chiamato quotidianamente o quasi a prendere decisioni importanti, e di conseguenza ad assumersi le responsabilità di tali scelte, soprattutto nel caso un cui le cose non vanno nella direzione sperata.

Lo stesso vale nel caso di un allenatore, che magari prova a cambiare strategia di gioco per ottenere risultati migliori, ma ciò non avviene. 

Lavagna con strategia

PER CONCLUDERE

Come hai potuto notare, le somiglianze che accumunano lo sport al management sono molte. 

Inoltre, si è potuta capire l’importanza delle soft skills, che permettono di far fare il salto di qualità alla propria organizzazione.

Questo perché le hard skills si possono apprendere attraverso lo studio, mentre le soft skills sono delle qualità personali che vanno sviluppate con degli “allenamenti” mirati. 

Queste qualità sono ciò che differenziano un buon manager, da un grande manager di successo o un buon atleta, da un campione. 

VUOI ALLENARE E MIGLIORARE LE TUE SOFT SKILLS PER PASSARE DA ESSERE SEMPLICEMENTE UN BUON MANAGER AD ESSERE UN MANAGER DI SUCCESSO?

Apprendi tutte le competenze manageriali, imprenditoriali e personali indispensabili per avere successo nell' attività lavorativa.

RIMANIAMO IN CONTATTO SUI NOSTRI CANALI: